Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione dell'utente.
Accedendo ad una qualsiasi delle sezioni sottostanti dichiari di aver preso visione di questo messaggio e di accettare la raccolta di cookie durante la navigazione.

BlogNotizie, recensioni e curiosità

Negli ultimi anni mi sono spesso imbattuto in richieste di consulenza per attività di nuova apertura le quali, impostando il loro business sulla vendita di servizi o prodotti di qualità, non vedono il successo della loro scelta strategica.

In alcuni casi si tratta di attività già avviate che hanno deciso di virare completamente il proprio asset, in altri casi si tratta di vere e proprie startup che scelgono di non entrare nella “guerra al prezzo più basso” e puntano a differenziarsi con servizi o prodotti di alta qualità.

In questi casi la strategia del “vendere di meno ad un prezzo più alto” non ha ripagato gli investimenti fatti.

 

Un prodotto di qualità che non vende

Premesso che la qualità dei servizi o prodotti offerti sia eccellente, la domanda ricorrente è “come mai non vendo?”

Una prima risposta è che in alcuni casi i clienti non hanno gli strumenti per comprendere la qualità del prodotto.

Esempio

Mettiamo a paragone due gelati:

  • uno con solo acqua e frutta all'80/90% e zucchero
  • un altro con frutta liofilizzata, OGM, grassi idrogenati, emulsionanti, preparati industriali, aromi chimici, coloranti

costruire brandSe facessimo assaggiare questi due tipi di gelati, molto probabilmente su un scala di preferenze il voto più alto andrebbe al “più buono” e non quello con gli ingredienti migliori.

Questo perché tutti mangiano il gelato, ma nessuno ha un palato così allenato da percepire una distinzione di qualità.

La seconda risposta al “perché un prodotto di qualità non vende” e che non si è dato il giusto tempo ed impegno alla promozione.

Attenzione bisogna fare una distinzione tra pubblicità e promozione della qualità in quanto sono due attività ben distinte: la prima mira ad attrarre nuovi clienti nell’immediato, la seconda punta a creare un brand e quindi fare brand Equity (in italiano “Promozione del Brand”).

 

Fare brand Equity e dopo vendere la qualità

Le attività di brand Equity richiedono una fase strategica, un budget ed un lungo tempo di svolgimento. Non è possibile pensare di avviare una strategia di brand Equity e di ricevere i benefici nell’arco di 6 mesi, il tempo minimo è di circa un anno e mezzo.

Questo significa che oltre ai costi di startup, deve essere già incluso in un ipotetico business plan un budget di marketing destinato ai 18 mesi di attività.

Le attività di promozione del brand non saranno volte a portare clienti immediati ma bensì a COMUNICARE “cosa è il brand”, offrendo ogni giorno motivazioni valide al perché le persone lo  dovrebbero scegliere.

 

Puntare sulla qualità senza aver fatto brand Equity

Se si è scelto di puntare sulla qualità ma non sono state previste o fatte azioni di promozione del brand, le strade sono due:

  1. trovare nuovi fondi per mantenere l’attività ed iniziare un percorso di brand Equity
  2. cambiare la propria strategia e cercare di abbattere i costi, con un conseguente abbassamento della qualità, ma puntando sulla quantità dei prodotti o servizi messi in vendita.

 

Scegliere la quantità piuttosto che la qualità


Vendere ad un prezzo basso vendendo di più è la strategia alla base di molti business, soprattutto in questo periodo storico (si veda infatti i negozi gestiti perlopiù da etnie Cinesi o grandi portali di e-commerce).

megastoreMa se si vuole intraprendere questa strategie ecco alcune indicazioni che devono essere prese in considerazione:

  • Creare diversi tipi di prodotti o linee di prodotto
  • Ove possibile vendere più prodotti insieme ma con un costo unitario inferiore (1 pezzo =  1 €, 3 pezzi = 2,50 €) o dare la possibilità di acquistare di meno ad un costo unitario superiore (un vestito composto da maglietta e pantalone = 10 €, solo la maglietta = 7 €)
  • Cercare di avere un target il più ampio possibile (magari con prodotti diversi in base al target)
  • Destinare un budget mensile per pubblicità, sconti e promozioni
  • Avere dei bassi costi di gestione, di materie prime, di fornitori
  • Puntare il più possibile ad avere un “PREZZO CONVENIENTE”

Un prezzo conveniente nelle mente delle persone giustifica una mancata qualità.

 

Cosa scegliere, quali sono i trend?

La risposta se scegliere di puntare sulla qualità o quantità deve essere fatta valutando il proprio business plan nel quale, oltre la strategia, sarà inserito anche il budget a diposizione, le tempistiche ed i possibili ritorni. A volte in un buon compromesso tra qualità e convenienza può esserci la giusta soluzione.

Il nostro consiglio è quello di studiare il mercato, pianificare e creare un business plan con simulazioni sui possibili ritorni, solo così è possibile ridurre al minimo il rischio di insuccesso.

Spero che questo articolo ti sia piaciuto o possa esserti di aiuto.

 

La legge di Pareto, uno dei maggiori economisti italiani, anche conosciuta come la legge dell’80/20 affermò che l’80% degli effetti o dei risultati prodotti sono la conseguenza del solo 20% delle cause.

Se ci pensiamo tutt’oggi, questa legge risulta ancora molto attuale anche se associata ad ambiti differenti da quelli studiati dall’illustre personaggio.

Sempre più utenti si avvicinano alla sempre più crescente frenesia degli ACQUISTI ON LINE.

Forse è una moda del momento, forse il sempre meno tempo libero ci porta a dire... "bhe ma se posso comparlo da casa perchè no", e sicuramente l'alta tecnologia già presente da bambini sta creando una popolazione di "smanettoni del web."

Sempre più aziende aprono un sito di e-commerce. Questo è il nuovo canale di vendita nel quale tutte le aziende, dalle più piccole alle più grandi e strutturate, dovrebbero avere una presenza, visto il numero sempre crescente di utenti che sposta i propri acquisti verso Internet.

Se ne vociferata già da tempo ma ecco ufficializzata la nuova creatura in casa Apple!

"The best iPhone experience on four wheels"... la migliore esperienza iPhone su quattro ruote, così è stato definito il nuovo dispositivo Apple da Cupertino.

Mappe
mappe-carPlay 
Chiamate
chiamate-carplay
Musica
musica-carplay
Scritture e Lettura Messaggi
messaggi-carpplay

In pochi sono a conoscenze di alcuni trucchi che esistono su Youtube, in gergo vengono chiamati 

Easter eggs. Non c'è un precvisono motivo per cui sono stati inseriti dal team di Youtube, l'unico motivo è quello LUDICO!
Provateli perchè sono davveri divertenti!

Il giorno di San Valentino a Parigi sono state installate 1.500 scatole rosse per un'emergenza... d'amore! L'iniziativa è stata svolta da

Bloemenbureau Holland una società che pruduce e vende fiori e, grazie al video/spot è diventata subito virale.

trueactivist-viral-spot

Trueactivist.com nasce con l'intento di utilizzare i media in maniera educativa, divertente e stimolante per chiunque abbia una connessione Internet.

Stanchi di vedere le solite pubblicità?

Accedete con il vostro broswer a questa pagina e potrete disattivare quelle che non vi interessano ->http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte/

In questo post parleremo di come alcune società applicano il Multilevel Marketing, analizziamo il caso della ACN (www.acneuro.com/IT) sulla tipologia di offerta ed il modo in cui viene fatta la proposta commerciale.    

Per darvi informazioni corrette su ACN, abbiamo intervistato una persona che per due volte è stata contattata da questa società.            

Ecco cosa ci ha raccontato:

”Questa è la seconda volta che vengo contattato al telefono da una persona che a nome di un mio amico dice che vuole propormi un business vantaggioso e dato che, come dice lui, sono una persona sveglia ed intelligente (anche se non mi conosce) mi vuole proporre qualcosa che potrebbe interessarmi e farmi guadagnare. Mi dice che è meglio incontrarci perché non vuole parlare di soldi al telefono ed io accetto, spinto dalla curiosità come ho fatto la prima volta dico si, e vado!  

La prima volta che mi hanno contattato mi sono recato nella hall di un hotel questa volta invece in un bar dentro un centro commerciale a Roma. Ad accogliermi c’è un mio vecchio amico delle elementari (che gli ha dato il contatto) e la persona che mi contattato al telefono, un ragazzo giovane e ben vestito

La vendita diretta piramidale non è una tipologia di distribuzione, ma un meccanismo pretestuoso per vendere una posizione, una collocazione nell'ambito di una struttura piramidale.

Le strutture piramidali sono caratterizzate dal fatto che al vertice della piramide si vengono a trovare soggetti che vivono di rendita,

Sono già usciti molti articoli sulla modifica della struttura delle pagine fan e vi segnalo uno dei migliori articoli di Julius Design.

Quello che invece troverete in questo articolo sono le nuove caratteristiche pubblicitarie, i motivi di questo cambiamento e alcuni consigli su come usare (sotto il profilo di Marketing) la nuova veste delle pagine Fan.

Per prima cosa dovete sapere che dal 30 Marzo 2012 a tutte le pagine fan sarà applicata la nuova veste, quindi

Arriva la Timeline di Facebook - 2012

Dall'inizio di Dicembre 2011 è possibile cambiare il proprio profilo di Facebook al "Diario" personalizzato, questo è possibile farlo andando su www.facebook.com/timeline e cliccare in basso a destra dove troverete "ottieni il diario".

Molti si sono preoccupati di questa nuova veste pensando che adesso sarà più facile ottenere informazioni rispetto al passato, ma questo non è vero in quanto tutti i post su Facebook sono già tutti reperibili (basta fare clic in basso su "post precedenti", del vecchio profilo).